Le fasi della Nuova Sabatini 2019

Le 7 fasi dell’agevolazione Nuova Sabatini 2019

Il MISE, chiarisce con una grafica le sette fasi della richiesta del contributo Nuova Sabatini 2019

La Prime Service, offre alle aziende una consulenza per l’elaborazione dei documenti necessari a richiedere le agevolazioni per i beni strumentali previsti dalla cosiddetta Nuova Sabatini. Il servizio include oltre alla  corretta compilazione della documentazione richiesta dal Ministero, anche la rendicontazione finale dell’investimento al MISE, indispensabile per ricevere le quote di contributo, a partire dalla prima quota e per i 5 anni successivi.

Maggiori informazioni su quali aziende possono richiedere questa agevolazione, per quali beni e le caratteristiche del nostro servizio sono disponibili nella pagina dedicata al servizio Nuova Sabatini .

 

Vediamo ora in dettaglio le fasi della richiesta dell’agevolazione Nuova Sabatini 2019 e le attività di consulenza svolte dalla Prime Service.

1. La consulenza della Prime Service comprende una  verifica preventiva sulla tipologia di operazione da impostare rispetto all’investimento previsto (tra contributo ordinario e contributo maggiorato 4.0)  e la predisposizione di tutta la documentazione da presentare per  la richiesta di finanziamento e per l’accesso al contributo. 

 

2. La Prime Service predispone la documentazione comprovante la sussistenza dei requisiti di natura soggettiva (relativi alla dimensione dell’impresa). Successivamente invia tutta la documentazione predisposta (domanda completa degli eventuali allegati) alla banca o ad altro intermediario finanziario indicato dalla PMI per la successiva trasmissione al MISE e relativa richiesta di prenotazione delle risorse finanziarie relative al contributo richiesto.

 

Concessione del finanziamento

3. La Banca o l’Intermediario finanziario potranno deliberare il finanziamento alla PMI dopo la conferma da parte del MISE della disponibilità delle risorse finanziarie prenotate da destinare al contributo.

 

Provvedimento di concesssione

4. MISE adotta provvedimento di concessione del contributo con la indicazione dell’ammontare degli investimenti ammissibili, delle agevolazioni concedibili e del relativo piano di erogazione, nonché degli obblighi a carico dell’impresa beneficiaria e lo trasmette all’impresa stessa ed alla banca o intermediario finanziario indicato.

 

trenta giorni

5. La banca o l’intermediario finanziario predispone e sottopone all’impresa per la stipula il contratto di finanziamento, impegnandosi ad erogare  il finanziamento in un’unica soluzione all’impresa stessa nel caso di finanziamento bancario, ovvero  al fornitore nel caso di leasing finanziario entro trenta giorni dalla data di consegna del bene.

 

6. Ad investimento ultimato, la Prime Service predispone la documentazione attestante l’avvenuta ultimazione dell’investimento, e ne cura la trasmissione al Ministero. Successivamente la Prime Service trasmette la Richiesta di erogazione del contributo in unica soluzione (per gli investimenti fino ad euro 100.000,00) ovvero la richiesta di erogazione della prima quota di contributo (per gli investimenti di importo superiore).

 

Richiesta di pagamento

7. A partire dall’anno successivo e per i successivi quattro anni la Prime Service si occuperà di predisporre e trasmettere al Ministero  la richiesta di erogazione delle quote di contributo successive alla prima (per gli investimenti di importo superiore ad euro 100.000,00) fino a quando la PMI avrà incassato l’intero contributo decretato.

 

Per un approfondimento è possibile consultare la pagina del MISE dedicata al contributo Nuova Sabatini 2019