Recupero accise energetiche 2011

Assistenza legale per rimborso delle accise provinciali pagate sull’energia elettrica nell’anno 2011

Offriamo l’opportunità di recuperare l’importo dell’addizionale provinciale dell’accisa pagata e non dovuta sui consumi elettrici del 2011.
La sentenza della Corte di Cassazione del 23 ottobre 2019, n. 27099 ha stabilito l’illegittimità delle accise provinciali sull’energia elettrica pagate per il biennio 2010-2011, poi abolite dal 2012 con un decreto del 5 gennaio. L’illegittimità è scaturita da una indicazione della UE (Direttiva 2008/118/CE) sulle modalità di prelievo del tributo adottato in quel periodo. La sentenza menzionata ha disposto che per ottenere il rimborso dell’addizionale indebitamente pagata, l’impresa deve agire nei confronti del fornitore di energia.

Poiché il rapporto tra fornitore di energia e l’impresa utilizzatrice ha natura civilistica, l’azione di recupero si prescrive nel termine di 10 anni dal pagamento dell’indebito, atteso che il periodo in questione è il biennio 2010 – 2011, appare evidente che le aziende interessate al recupero del rimborso, dovranno agire rapidamente, quantomeno per il 2011.

DA CHI PUÒ ESSERE RICHIESTO IL RIMBORSO

Può essere richiesto da tutte quelle aziende che hanno avuto un costo significativo di energia elettrica nell’anno 2011.
Il presupposto affinché si possa agire in giudizio è che dalle fatture pagate risulti l’addebito dell’addizionale provinciale alle accise sull’energia elettrica.

CHI SI OCCUPERÀ DELLA PRATICA

Il nostro Team Legale è in grado di garantire un’assistenza completa nell’articolato e stratificato sistema regolamentare che caratterizza i rapporti giuridici d’impresa. Il nostro Team di esperti è specializzato nella gestione delle controversie commerciali.
Provvederemo all’analisi di fattibilità, analizzeremo caso per caso la possibilità di procedere alla richiesta di rimborso, stimando l’entità dello stesso e senza alcun costo per il cliente.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI